Il mancato incontro tra gli operatori di Gioco ed il Comune di Ventimiglia

ventimiglia operatori di gioco

La netta sensazione è che, purtroppo, alcun altro settore commerciale o di servizi non venga ascoltato dalle istituzioni così come succede con il mondo del gioco pubblico. Eppure la “vita” del gioco d’azzardo è alquanto incerta e piena di contraddizioni, nonché di restrizioni normative, che stanno veramente mettendo in ginocchio non solo gli operatori del gioco di Ventimiglia, ma di tutto il Paese. Come il vice premier penta-stellato Luigi Di Maio nonché Ministro del Lavoro, non ha voluto ascoltare le esigenze dell’intera filiera del gioco e dei casino online italiani, così anche il Primo Cittadino della città di Ventimiglia non ha inteso incontrare i rappresentanti della manifestazione che si è svolta in quella città per presentare alle istituzioni le proprie realtà con le quali devono forzatamente convivere che sono diventate, purtroppo, troppo gravose da un punto di vista di normativa e assolutamente poco redditizie per l’intero settore ludico. Ma il Sindaco aveva altre cose da fare: questa è stata la laconica risposta. E tant’è!

Una risposta meno “superficiale” sarebbe stata maggiormente gradita da chi desiderava un confronto, ma quegli stessi operatori non “molleranno” e chiederanno un altro incontro: nel frattempo, però, hanno inviato una richiesta di audizione anche in Regione Liguria che sono certi il tempo lo troverà per ascoltare il settore ed i suoi operatori. La manifestazione che voleva presentare al Sindaco di Ventimiglia la situazione in cui è “costretta” a vivere la “riserva di Stato del gioco pubblico” era corposa con la presenza dell’Associazione As.Tro e la Federazione Italiana Tabaccai ed il Sindacato Totoricevitori sportivi per protestare contro l’ordinanza sindacale, in vigore da qualche giorno, che consente il gioco soltanto dalle ore 19 alle ore 7 del mattino: sinceramente un provvedimento inverosimile.

A Ventimiglia esistono 28 tabaccherie che vendono moltissimo tabacco: forse anche per la presenza della popolazione francese proveniente dai Paesi vicini. E se un determinato giorno si dovesse dire che vendono troppe sigarette allora bisognerebbe togliere questa vendita ai tabaccai? E questo per evitare il vizio del fumo? Chi incorre in una dipendenza va riconosciuto, assistito e curato: ma, certamente, non bisognerebbe proibire l’uso di un prodotto per arrivare a curare una certa mancanza di equilibrio nel quale incorrono una piccola quantità di soggetti che non riesce a gestire le proprie pulsioni e le proprie “incertezze” avvicinandosi a determinati prodotti, che siano alcol, fumo, o gioco con poca serenità e consapevolezza.

Il dato certo che è emerso da una indagine effettuata presso i Sert è che l’anno scorso ci sono state 14 persone in cura per la diagnosi di disturbo da gioco d’azzardo in tutta la provincia di Imperia e questo disturbo è da riferirsi non solo alle slot machine, ma ai vari tipi di gioco. Senza dimenticare che vicino a Ventimiglia esiste un casinò che viene fatto lavorare tranquillamente e che dà, logicamente, occupazione e fa girare l’economia di questa parte del territorio ligure. Non vi è dubbio che l’ordinanza del Sindaco di Ventimiglia che “impone un orario assurdo per il gioco d’azzardo pubblico” vada ridiscussa e che esista la necessità di un incontro-confronto con la Regione Liguria e la filiera del gioco lecito.

La Regione oltre un anno fa aveva bloccato la scadenza delle autorizzazioni di gioco, prevista dalla legge risalente al 2012, avviando una proroga “ad oltranza” in attesa della tanto agognata normativa nazionale che tarda ad arrivare. Ma a questo punto l’unico intervento che è arrivato da parte del Governo Giallo-Verde è il Decreto Dignità che, però, ha anche anticipato che interverrà sul riordino del settore a breve (sembrerebbe entro il prossimo febbraio 2019), chiedendo alle Regioni di non legiferare in materia. Purtroppo, rimangono vive le norme in essere ed i Sindaci continuano a muoversi seguendo queste norme, anche se oltre modo limitative per la vita commerciale delle attività di gioco.

Diventa assolutamente indispensabile una legge nazionale uguale per tutti e non disomogenea come le leggi regionali hanno fatto diventare quelle relative alla regolamentazione del gioco. Ogni Regione “fa quello che vuole e ritiene giusto per il proprio territorio”: ma così facendo, in realtà, non si capisce più nulla ed i giocatori si sentono come in un “frullatore” non riuscendo più né a capire le fasce orarie differenti tra città e città, né a percepire quale sia il gioco lecito e quello che non lo è con il risultato di una insicurezza totale e con il rischio di “incappare” in esperienze poco piacevoli con il gioco illegale.

La manifestazione di Ventimiglia è stata fortemente voluta dalla filiera del gioco ed anche se il Sindaco non “si è degnato di ascoltare le esigenze del settore ludico” i partecipanti con le loro associazioni sono sicuri che la Regione “avrà più tempo da dedicare loro” visto che con la stessa esiste “piena sintonia” dimostratasi palesemente quando erano state accettate le considerazioni “del gioco ligure ed aveva deciso di sospendere le normative varate dalla giunta precedente. L’idea, oggi, dopo questo “no assurdo del Primo Cittadino di fronte ai chiarimenti per un provvedimento assurdo” è quella di organizzare una serie di manifestazioni che coinvolgano più città e più istituzioni locali in modo da sollecitare il Governo centrale a provvedere al riordino del settore, comprese le scommesse sportive online, ed alla sua regolamentazione a livello nazionale con una Legge Quadro sul Gioco che tuteli gli interessi di tutti, nessuno escluso od eccettuato.

Oggi, vale ancora la pena di sottolinearlo, il gioco d’azzardo pubblico in pratica non è vietato totalmente ma, in effetti, lo è: quindi, è giusto manifestare per difendere le attività di gioco di Ventimiglia ma anche quelle delle altre città e degli altri territori perché non sembra normale che “chiunque” possa regolamentare la vendita di un prodotto legale e lecito come il gioco pubblico. É ora anche di smetterla con le questioni ideologiche od i falsi moralismi che albergano nelle menti e nel cuore di alcuni Primi Cittadini che nascondono la mano che firma le ordinanze restrittive dietro la tutela dei propri territori.

Pubblicato il: 6 Dic 2018 alle 13:59 - Autore:

Casino Recensione Mobile Visita
888casino
888Casino
20€ Gratis + 500€
disponibile su mobile
snai casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
Visita
starcasinò
StarCasinò
125 Giri + 1000€
disponibile su mobile
casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
disponibile su mobile
betfair casino
Betfair Casino
25€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
eurobet casino
Eurobet Casino
Esclusivo 1000€ Bonus
disponibile su mobile
betflag casino
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
disponibile su mobile
merkur win casino
Merkur Win Casino
10€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
titanbet casino
Titanbet Casino
20€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
netbet casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
Visita
voglia di vincere casino
Voglia di Vincere
50€ Gratis + 1200€
disponibile su mobile
Visita
unibet casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
disponibile su mobile
32red casino
32Red Casino
10€ Gratis + 160€
disponibile su mobile
Visita