Bridge – Informazioni e regole del gioco

bridgeIl mondo del Bridge è sempre un mondo fatto di divertimento. Non devi sottovalutare questo famoso gioco che oggi è disponibile anche nella versione online giocabile nei migliori siti italiani legali AAMS. Grazie a questa pagina, che poi è una guida al gioco del Bridge, potrai conoscere a fondo questo divertente mondo, conoscendo i migliori siti legali aams dove puoi giocare con il Bridge su internet. Il nostro impegno nel farti scoprire e capire a fondo il mondo del Bridge su internet è massimo. I nostri esperti hanno raccolto per te qui sotto i migliori consigli che possono aiutarti a giocare al Bridge nel miglior modo possibile. Guarda cosa abbiamo da dirti e scopri la semplicità di giocare al Bridge online sul tuo sito legale preferito.

I MIGLIORI SITI PER GIOCARE AL BRIDGE

Casino Recensione Mobile Visita
888casino
888Casino
20€ Gratis + 500€
disponibile su mobile
snai casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
Visita
starcasinò
StarCasinò
125 Giri + 1000€
disponibile su mobile
casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
disponibile su mobile
betfair casino
Betfair Casino
25€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
eurobet casino
Eurobet Casino
Esclusivo 1000€ Bonus
disponibile su mobile
betflag casino
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
disponibile su mobile
merkur win casino
Merkur Win Casino
10€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
titanbet casino
Titanbet Casino
20€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
netbet casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
disponibile su mobile
Visita
voglia di vincere casino
Voglia di Vincere
50€ Gratis + 1200€
disponibile su mobile
Visita
unibet casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
disponibile su mobile
32red casino
32Red Casino
10€ Gratis + 160€
disponibile su mobile
Visita

 

ALTRI GIOCHI ALTERNATIVI

 

La storia del gioco del Bridge

Il Bridge nasce come gioco di carte dedicato alla nobiltà o comunque a una piccola porzione di elite londinese. Viene introdotto per la prima volta a Londra da Lord Brougham, che di ritorno dal Cairo nel 1894, insegna il gioco ai soci del Portland Club. All’epoca, il Bridge è chiamato Whist, ed infatti, questo gioco raggiunge anche l’America. La data d’approdo è precedente al 1890 quando una certa Kate Weelock, insegna il Whist all’interno di una scuola. Il Bridge raggiunge poi anche New York dove viene fondato il Whist Club nel 1987: è qui che vengono impresse quelle prime regole che saranno poi fondamentali nel gioco. Identici al poker sono i semi e la scala gerarchica, mentre tutte le prese dopo la sesta realizzata, vale 12 punti se totalizzata senza atout, mentre scende a 8 se realizzata a cuori, a 6 quando è eseguita a quadri, 4 a fiori e 2 a picche. Per portarsi a casa la manche era sufficiente realizzare 30 punti.

Il Whist Bridge risulta talmente tanto divertente che non appena mette piede fuori dal Portland Club si diffonde velocemente in tutto l’Impero Britannico, India compresa. È proprio fra gli ufficiali dell’India, nel 1904, che prende vita una primitiva Asta Licitativa, indispensabile per stabilire l’atout nella quale la smazzata deve essere giocata. Il gioco comincia quindi ad assumere le sembianze odierne. Da questo momento al Whist Bridge succede l’Auction Bridge. Il primo a codificare le regole dell’Auction Bridge è F. Roe, funzionario inglese che nel Bengala, per primo aveva avuto l’idea di mettere su un’asta per aggiudicarsi il diritto di giocare con il Morto nell’atout sperata. Le regole vengono pubblicate nello stesso 1904 da Oswald Crawford sul “Times”: a questo punto l’Auction Bridge fa il suo ingresso al Bath Club di Londra.

Il nuovo Bridge è avvincente e divertente, tanto che il Portland Club da un lato e il Whist Club di New York diventano depositarie delle regole del nuovo gioco, aggiornandole continuamente. A questo punto il Bridge diventa il Signore delle Carte. Il Bridge raggiunge l’Italia durante il fascismo: il gioco viene rinominato “Il Ponte”, com’è sottolineato in tutti i manuali del gioco risalenti agli anni 30. Il bridge moderno in Italia è legato al nome di Eugenio Chiaradia, il quale assegnò all’apertura con “1Fiori” un significato convenzionale, tanto da essere chiamato, in onore della città di provenienza di Chiaradia, “Fiori napoletano”. Sebbene nelle altre nazioni, Inghilterra e Stati Uniti in primis, il Bridge è stato oggetto di tornei nazionali e internazionali, oltre che protagonista delle Olimpiadi, il CONI, in Italia, ha riconosciuto il Bridge come sport solo nel 1993.


L’Etimologia della parola

L’etimologia del termine Bridge è sconosciuta. La maggior parte dei conoscitori e degli estimatori del Bridge, fanno risalire l’origine del termine alla connessione, il ponte comunicativo, che si crea fra i giocatori della medesima coppia durante il momento della licitazione. Altri, invece, fanno risalire il termine alla parola Biritch. Si tratta di una parola russa indicante un gioco di carte diffuso nel paese rosso durante l’800. Altri ancora fanno derivare il temrine dal turco Bir-uc, che significa “uno-tre” in riferimento alle carte scoperte di un giocatore, o allo slavo bric.


Le regole del gioco del Bridge

Le regole del gioco del Bridge sembrano complesse, ma una volta appreso il meccanismo di gioco non ti sarà difficile giocare e divertirti. Anzitutto, a Bridge si gioca in 4 con una mazzo di carte francesi, quindi con 52 carte. I 4 giocatori formano 2 coppie e sono seduti uno di fronte all’altro. Le coppie, nel gioco del Bridge, corrispondono ai punti cardinali. Quindi una coppia sarà Nord/Sud, l’altra Est/Ovest. Le carte seguono l’ordine gerarchico del poker, pertanto la carta più alta è l’Asso, la più bassa è il 2. per completare un gioco è necessario effettuare più mani, ovvero le carte vengono distribuite più volte.

Nel bridge vi sono delle fasi essenziali che seguono la distribuzione delle carte e corrispondono alla dichiarazione e il gioco delle carte. La dichiarazione è lo stabilire, per ogni coppia, quale sia il seme di atout e il numero delle prese che la coppia prevede di fare. Scopo del gioco è ovviamente quello di totalizzare più punti rispetto all’avversario. Il totale dei punti dipende anche da altri due fattori, ovvero il contratto, rappresentato dall’atout e il numero di prese che la coppia è riuscita a fare.

Una volta che è stato stabilito contratto e numero di prese si passa alla distribuzione delle carte. Il mazziere è solitamente colui che ha pescato la carta più alta. Il mazziere mescola le carte e le distribuisce dopo aver fatto tagliare il mazzo al giocatore situato alla sua destra. Le carte vengono distribuite partendo dalla sinistra del mazziere. Ogni giocatore riceve 13 carte che devono essere ordinate in mano raggruppandole nei 4 semi. Il momento della dichiarazione consiste nel dichiarare il seme che costituirà la briscola temporanea, a Bridge definita atout. Inoltre, i giocatori devono dichiarare anche le prese che la coppia intende fare, o meglio le prese che prevede di fare dopo la sesta.

La dichiarazione si svolge a turno. A parlare per primo è il mazziere e dopo di lui si procede in senso orario. I giocatori, man mano, possono affermare di fare delle prese superiori per seme o per numero, a quelle dichiarate dal giocatore precedente. La dichiarazione non si esaurisce al primo giro ma può durare più giri sino ad un massimo di tre. Ad aggiudicarsi il contratto, ovvero l’imposizione del seme di atout è il giocatore che per ultimo ha dichiarato il seme di atout e le prese che vuole realizzare. Una volta aggiudicato il contratto è definito dichiarante e quindi il compagno che fa coppia con lui non partecipa al gioco delle carte successivo, e per questa ragione è definito Morto.

Se il giocatore avversario non crede che il dichiarante riesca a fare le sue prese può dichiarare il contre, al quale il dichiarante risponde o può rispondere con il surcontre. In questi casi, se il dichiarante riesce a fare le sue prese raddoppia il punteggio con il contre e lo quadruplica con il surcontre. In caso contrario perderà moltissimi punti.

Durante la fase di gioco solo uno dei due membri della coppia, ovvero il dichiarante, può provare ad assolvere il contratto. L’altro componente della coppia, invece, quando l’avversario avrà fatto la sua mossa, inserendo la sua prima carta di attacco, deve calare le carte in suo possesso sul tavolo: in questo modo tutti i giocatori potranno vederle. Questo giocatore è definito Morto, non può partecipare al gioco ma solo osservarlo. Durante la giocata i giocatori possono giocare una carta alla volta.

Per giocare i giocatori devono rispondere con il seme sceso al primo turno dal primo giocatore. Se un giocatore non possiede delle carte con il seme uguale a quello sceso dal dichiarante allora deve giocare una carta di atout. A prendere le carte sarà il giocatore che ha calato sul tavolo la carta più alta del seme in uscita. Quando le carte vengono prese da un giocatore sarà questo a stabilire il prossimo seme. La coppia totalizzerà un punteggio positivo solo se realizza il numero di prese stabilito in fase di dichiarazione. In caso contrario il punteggio positivo passerà alla squadra avversaria. Se non si sta disputando un torneo per vincere una partita è necessario totalizzare 100 punti in un unico contratto oppure in più mani.


Il Bridge nei casino online

Il bridge è considerato all’interno dei casino online un gioco d’abilità, e non potrebbe essere altrimenti, vista il suo essere da tempo considerato uno sport della mente. La sua considerazione e inclusione all’interno delle Olimpiadi la dice lunga su questo. Se hai deciso di imparare a giocare a Bridge puoi sfruttare la sua presenza su diversi casino online che hanno ricevuto l’autorizzazione da parte di AAMS. I casino online licenziati da AAMS posseggono infatti tutte le carte in regola per garantirti un gioco sicuro, non solo dal punto di vista della sicurezza dei tuoi dati personali e dei tuoi dati sensibili, ma anche sotto il profilo della correttezza dei giochi proposti.

In prima battuta, se sei un neofita del Bridge, puoi decidere di giocare a Bridge nei casino online gratis. Per fare una partita e mettere a punto la tua migliore strategia, oltre che imparare a fondo le regole, puoi cominciare a far pratica nei giochi online in versione flash. Per giocare a Bridge, quindi, non dovrai scaricare alcun client di gioco né tanto meno iscriverti al portale: questo vale per la maggior parte dei portali dei casino online. Sarà sufficiente collegarti al portale ufficiale e far partire il gioco in modalità flash. Una volta che avrai messo a punto la tua strategia potrai lanciarti nel gioco con denaro vero: per giocare a Bridge, così come a qualsiasi altro gioco dovrai iscriverti al portale e depositare del denaro reale. Potrai sfidare il software di gioco e cercare di fare 100 punti al primo colpo.

I software del gioco del Bridge hanno, oggi, una grafica molto accattivante e un sistema veloce e fluido che non ti farà rimpiangere un compagno di gioco in carne e ossa. Impara a giocare ad uno dei giochi più nobili e antichi della storia: non te ne pentirai.


Giocare al Bridge da dispositivi mobile

Il gioco del Bridge non è solo un gioco concettuale. È il gioco del relax assoluto: in questo gli inglesi insegnano. Per questo motivo, le case da gioco online, hanno deciso di inserire, all’interno del ventaglio di giochi disponibili su mobile, anche il Bridge. Giocare a Bridge da mobile è divertente, avvincente e perché, no, in alcuni casi anche remunerativo. Per giocare a Bridge su mobile hai due possibilità. La prima è quella di fare una partita collegandoti dal tablet o dallo smartphone al portale ufficiale del casino online che hai scelto. In questo caso sarà sufficiente che tu ti diriga sul bottone che rimanda al gioco del Bridge. Ti si aprirà una finestra di gioco che ti presenta il gioco in modalità flash game. Di norma, in questa versione ti viene offerta anche l’opportunità di evitare di investire del denaro reale e quindi di procedere al gioco gratuitamente.

Se intendi investire del denaro e provare a vincere giocando a Bridge, allora dovrai iscriverti alla piattaforma di casino online che vuoi provare. L’iscrizione è di norma semplice e molto veloce: ti verranno richiesti giusto i tuoi dati personali, oltre che una user name e una password personale da utilizzare ogni volta sulla piattaforma. Se effettui una prima iscrizione al casino online, ricorda di inviare, entro trenta giorni dalla sottoscrizione i tuoi dati personali: infatti, in questo modo il portale ha la possibilità di verificare la tua identità. Tale operazione è indispensabile soprattutto se vinci del denaro, che non ti verrà accreditato e non sarà prelevabile sino a quando non invierai i documenti. A questo si aggiunge il fatto che se non restituisci la documentazione la piattaforma chiuderà il tuo account, rendendolo inaccessibile, dopo 30 giorni.

Una volta che hai realizzato un tuo account, puoi procedere al download della app dedicata al gioco del Bridge, oppure della app dedicata ai giochi tradizionali di carte, a seconda della piattaforma che hai deciso di utilizzare. L’app su tablet e smartphone ti consente di raggiungere in maniera immediata e senza attese il tuo gioco, ovunque tu sia. Non manca, ad ogni modo, l’opportunità di raggiungere il gioco in flash mode anche dal portale. Il gioco del bridge giocato da smartphone e tablet è molto più realistico rispetto a quello messo in atto su pc: banditi i mouse, riuscirai a giocare direttamente da touchscreen, muovendo le tue carte. Che aspetti a lanciarti nel gioco più ingegnoso del mondo? Il Bridge attende solo di svelarti le sue migliori mosse.